Un bosco della memoria in ricordo delle vittime del Covid

Un bosco della memoria, dedicato ad ognuna delle vittime del Coronavirus.

A Firenze il dolore e il ricordo delle persone scomparse a seguito della pandemia scaturita da Covid-19 sono ancora vivi.

Da qui, l’idea di dedicare un’area verde della città proprio per non dimenticare.

Alberi come simboli di vita, di questo nuovo progetto che mette al centro la questione ambientale, i valori umani, il sociale, gli spazi pubblici.

Un bosco della memoria che ha visto i primi 36 alberi messi a dimora, ognuno di questi donati dalle cittadine e dai cittadini della città per i propri cari, sconfitti dal mostro Coronavirus, accompagnati da frasi, ricordi, pensieri.

Il progetto, prende le mosse dallo scorso 26 novembre. “Dona un albero” è stato lanciato infatti dall’assessorato all’Ambiente in occasione della Festa dell’albero, a cui in tantissimi hanno aderito con entusiasmo. Nel totale sono 584 gli alberi già donati su un totale stimato inizialmente di 863 alberi da adottare.

Presenti all’inaugurazione del bosco della memoria l’assessora all’Ambiente Cecilia Del Re, i presidenti dei cinque Quartieri e il sindaco Dario Nardella che ha dichiarato:

“Gli alberi sono un segno di vita. Promuoveremo a partire dai prossimi giorni una iniziativa con la creazione di un piccolo boschetto con 172 alberi, che pianteremo, ciascuno nel ricordo di una vittima del coronavirus di questa città. Un luogo per non dimenticare, per capire che uno dei modi per combattere questa epidemia è proprio la cura dell’ambiente”.

Video di La Repubblica

Se la pandemia ci ha insegnato qualcosa – continua poi il sindaco Nardella -, è principalmente che la questione ambientale è centrale. L’idea di una Firenze più verde, già al centro del programma di mandato, lo diventa oggi ancora di più. Andiamo avanti quindi con convinzione nella realizzazione di interventi di sviluppo urbano sostenibile, come i progetti di ‘forestazione urbana’ e la messa a dimora di 20mila nuove alberature entro la fine del mandato per migliorare la qualità di vita dei cittadini. Il progetto ‘Dona un albero’ va in questa direzione coinvolgendo direttamente i cittadini nel percorso verso una Firenze più verde”.

Lecci, platani, ciliegi, ma anche salici bianchi, carpini, sorbi, tigli e farnie. Ogni vittima avrà un albero dedicato, in questo modo la città ricorderà per sempre chi ha perso la vita con l’epidemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *