Bonus bici, ecco cosa fare per ottenerlo

Nel decreto Rilancio, ufficializzato in queste ore, è presente un intero articolo dedicato alla mobilità sostenibile. Il governo ha previsto un bonus mobilità (o bonus bici) che ha come finalità principale quella di decongestionare il traffico ed evitare, di conseguenza, un sovraffollamento sui mezzi pubblici, rischiosi in questa fase di emergenza sanitaria, andando ad incentivare la popolazione a muoversi con mezzi di mobilità dolce.

In cosa consiste il bonus bici

Il bonus bici copre il 60% della spesa per l’acquisto di biciclette, monopattini, hoverboard, per un valore massimo di 500 euro.
Va detto che il bonus mobilità è valido anche per l’acquisto di biciclette con pedalata assistita, mentre sono esclusi gli scooter elettrici. L’agevolazione che il governo metterà a disposizione della popolazione è retroattiva e vale per tutti gli acquisti avvenuti a partire dal 4 maggio (data di inizio della cosiddetta fase 2) e fino al 31 dicembre 2020.

Chi può richiedere il bonus mobilità?

Il bonus mobilità può essere richiesto una sola volta ed è destinato a tutti i cittadini maggiorenni che appartengono ad una delle seguenti categorie che vi elenchiamo qui sotto:

  • residenza in un comune da almeno 50mila abitanti
  • abitare in una città metropolitana
  • abitare in uno dei comuni che appartengono alle città metropolitane
  • risiedere in un capoluogo di regione o di provincia

Cosa fare per richiedere il bonus bici?

Per ottenere il bonus bici bisogna conservare il documento giustificativo di spesa e, poi, una volta che sarà online l’app ufficiale, pronta entro i 60 giorni dalla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale, si dovrà accedere con le credenziali Spid, ovvero il Sistema Pubblico di Identità Digitale. In questo modo il buono mobilità potrà essere convertito in buono spesa digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *