Giornata Mondiale delle api

Oggi è la Giornata Mondiale delle Api. La sopravvivenza delle api è sempre più messa a dura prova dall’impatto umano sulla natura, dall’utilizzo dei pesticidi, dall’inquinamento e non ultimo dai cambiamenti climatici.

Istituzione della Giornata Mondiale

L’evento, nato nel 2018 è alla sua seconda indizione. Lo scopo dell’istituzione di una giornata mondiale è quello di aumentare la sensibilizzazione pubblica sull’importanza fondamentale che questi insetti ricoprono nell’equilibrio dell’eco sistema.

La giornata è quindi l’occasione per promuoverne la tutela, la sopravvivenza e smuovere l’opinione pubblica attraverso iniziative in grado di far conoscere di più la vita delle api e il loro ruolo da custodi della biodiversità.

Un po’ di numeri..

Per avvicinarci meglio a comprendere l’importanza che ricoprono basta pensare che il 75% delle coltivazioni alimentari dipendono dall’impollinazione di questi insetti.

Il problema, evidenziato dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) è che le api sarebbero soggette, rispetto agli standard considerati normali, a livelli di estinzioni maggiori tra le cento e le mille volte in più.

Un altro studio internazionale, indica quanto la produzione annuale globale di cibo dipenda dalle api e dall’attività di impollinazione: essa raggiunge un valore compreso tra i 235 e i 557 miliardi di dollari!

Le api in Italia

L’apicoltura italiana, che dal 2004 ha conseguito lo status di “produzione agricola” riconosciuto dal nostro Codice Civile, costituisce un importante settore per la nostra agricoltura.

Il numero di apicoltori censiti stima quasi 55.000 operatori, ma è un valore che punta ad alzarsi. Moltissimi infatti i giovani che negli ultimi anni hanno manifestato interesse e propositi di investimento in questo settore.

Il patrimonio apistico nazionale è in crescita e, nonostante le numerose avversità, nel 2018 ha raggiunto 1.500.000 alveari, con una produzione potenziale di circa 23.000 tonnellate e un volume d’affari stimato in 150 milioni di euro, cui sono da aggiungere 2 miliardi di euro di valore della produzione delle sole colture di interesse agro-alimentare.

Le iniziative

Sloow Food, in particolare, pianterà alberi e arbusti per offrire alle api fonti di nutrimento privi di pesticidi. L’iniziativa è aperta a tutti e chiunque può partecipare condividendo sui propri canali la foto dell’alberello piantato e usando poi gli hashtag #onetreeforahive, #plantoneforpollinators e #slowtreesforbees.

Il 20 maggio, inoltre, alcuni rappresentanti di Stati membri dell’Unione Europea si incontreranno per discutere l’attuazione del “Bee Guidance Document”, nel quale sono contenuti gli standard per la valutazione della tossicità, elaborati dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *