Earth Overshoot Day 2019, oggi 29 luglio sono finite le risorse annuali della Terra

Oggi 29 luglio è l’Overshoot Day, ovvero la data in cui la richiesta dell’umanità per l’anno in corso, di risorse ecologiche e servizi, supera ciò che la Terra può rigenerare nell’anno stesso. Il deficit continua a crescere mentre il capitale naturale della Terra diminuisce, comportando un accumulo di rifiuti, e anidride carbonica nell’atmosfera. I dati provengono dal Global Footprint Network, un’associazione internazionale per la sostenibilità e centro di ricerca che valuta l’impronta ecologica dell’umanità e la capacità del pianeta di rigenerare le risorse ed assorbire le emissioni generate dall’uomo.

Overshoot Day 2019, la data più anticipata in assoluto

L’Earth Overshoot Day (il giorno del superamento) ha visto spostare la sua ricorrenza in avanti di due mesi negli ultimi 20 anni fino all’attuale 29 luglio, la data più anticipata in assoluto. Questo comporta che ad oggi, l’umanità sta usando attualmente la natura 1,75 volte più velocemente di quanto gli ecosistemi del nostro pianeta siamo in grado di rigenerare 1,75 Pianeti Terra.
Per migliaia di anni il genere umano ha vissuto consumando una quantità di risorse minori rispetto alla quantità prodotta dal Pianeta.
Già a partire dagli anni ‘70, abbiamo iniziato a consumare molto più di quanto la Terra sia in grado di produrre e questo tenore di vita sta portando a gravi conseguenze.
Gli effetti di questo sovrasfruttamento sono sempre più visibili, compromettendo ogni giorno di più le risorse future dell’umanità: deforestazione, erosione del suolo, perdita di biodiversità o accumulo di anidride carbonica nell’atmosfera.
Fortunatamente, esistono ancora soluzioni possibili. Già spostare la data dell’Earth Overshootday di 5 giorni all’anno permetterebbe il raggiungimento di un equilibrio entro il 2050 utilizzando le risorse annualmente prodotte dal nostro pianeta.
Cinque i settori che offrono opportunità significative: città, energia, cibo, popolazione e pianeta. Ad esempio, ridurre del 50% le emissioni di CO2 derivanti dalla combustione di combustibili fossili significherebbe #MoveTheDate di 93 giorni.

#MoveTheDate Solutions, come sostenere soluzioni esistenti

Pochi giorni prima dell’Earth Overshoot Day, il Global Footprint Network ha lanciato la versione beta della #MoveTheDate Solutions Map dove gli utenti sono invitati a sostenere le soluzioni esistenti. Attraverso un’interconnessione sulla base della propria posizione geografica e del focus di interesse si arriverebbe ad accelerare l’implementazione di nuovi progetti nel mondo reale.
La mappa delle soluzioni #MoveTheDate è progettata per integrare il calcolatore dell’impronta ecologica.
Quest’ultimo, che consente alle persone di calcolare la propria impronta ecologica e il proprio Earth Overshoot Day personale, viene utilizzato da più di 2,5 milioni di utenti all’anno ed è ora disponibile in otto lingue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *